Skip to main content

Avertissement

Ce site est en construction. Son contenu va croître progressivement au fil du temps. Vos remarques nous intéressent !

1

Illustrissimo et reverendissimo monsignore padrone mio colendissimo

Il padre maestro Giovanni Antonio2 s'è ressoluto a servire Vostra Signoria illustrissima et reverendissima per predicatore della futura quadragesima con mio contento; imperoché essendo egli stato udito un'altra volta da cotesta città et desiderato, senza alcun dubio li riuscirà grato et da Vostra Signoria illustrissima et reverendissima sarà conosciuto un padre di molte buone qualità. Il signor Leonardo *Mocenigo fu preconizato a mezza quaresima et martidì prossimo consecrato che porta al presente il titolo di vescovo di Ceneda et appresso persone più diligenti viene chiamato vescovo et principe di Ceneda. Anderà fra un mese alla ressidenza sua che io non solo haverò un attrahente costì nel termine della via, ma uno ancora nel mezo, et mostrerò col fatto l'incredulità del padre Leone. Il signor cardinale Bellarmino già comincia essere adoperato intervenendo con molto frutto nella congregatione sopra gli Uscochi per lo che si potrà fare una gran gionta al libro3 se di nuovo si ristamperà, sicome a quella stampa di Vinetia è aggionto il trattato De indulgentijs4. Io resto qui, desideroso di servire Vostra Signoria illustrissima et reverendissima alla quale con ogni riverenza bascio la mano.
Di Vinetia, il 17 aprile 1599
Di Vostra Signoria illustrissima et reverendissima

Devotissimo servitore
Fra Paulo di Vinetia

  • 1. Le pli incomplet ne comprend pas l'adresse. Une main anonyme a ajouté : A monsignore Luigi Lollino, vescovo di Belluno.
  • 2. Il pourrait s’agit de Giovanni Antonio da Rimini, prieur conventuel, que Sarpi a connu cette année là alors qu’il était visiteur pour la province servite de Romagne. Voir lettre 1599-09-00 de Giovanni Antonio da Rimini.
  • 3. En 1616, Paolo Sarpi a écrit une suite au traité historique de Minuccio Minucci, archevêque de Zara, intitulée Aggionta all'Historia degli Uscocchi, continuata sin'all'anno 1613 puis le Supplimento dell'Historia degli Uscocchi. A partir de 1619, il entreprend l'écriture du Trattato di pace et accomodamento delli moti di guerra eccitati per causa d'Uscocchi tra il re ferdinando di Austria e la republica di Venezia qu'il ne porte pas à son terme et qui a été redécouvert et publié par Gaetano Cozzi, chez Laterza, en 1965. Voir Notices historiques : la guerre des Uscoques.
  • 4. Roberto Bellarmino, De indulgentiis et Iubileo libri duo, Lugduni, apud Jean Pillehotte, 1599 ; Coloniæ, apud A. Hierat, 1599 ; Parisiis, apud P. Chevallerium, 1599.
texte_alternatif
TypeAutographe
Chiffrementnon chiffrée
Signature

fra Paulo di Venetia

LieuVenise
Source

ÖNB, Autograph. 3/92-1, f. 1r.

Editions précédentes
  • Inédit